Anaglifo. Non molti conoscono il significato di questa parola, ma tutti, ogni giorno, ne apprezzano le potenzialità e il divertimento che sprigiona!

L’anaglifo non è altro che un’immagine stereoscopica, un’immagine 3D. Film, video, foto, giochi digitali, molte delle nostre forme di svago e intrattenimento sono animate da questo principio ottico.

Come funziona? Facilmente: l’effetto di tridimensionalità è dato dalla sovrapposizione di due immagini parallele realizzate da due punti di vista diversi, lontani tra loro dai 5.5 ai 7.5 centimetri.

Guardare il tutto ad occhio nudo, non è proprio rilassante e agevole! Pure lo scienziato Charles Wheatstone nel 1832 pensava la stessa cosa. Così decise di inventare lo stereoscopio, l’antenato dei nostri pratici e piccoli occhiali 3D.

Ormai gli occhiali 3D li troviamo ovunque, dato che servono a esperire realtà “aumentate” di ogni genere, dal cinema ai fumetti, dai videogiochi ai video musicali.

Fonte: https://tempolibero.pourfemme.it/articolo/fai-da-te-come-costruire-occhiali-3d/1645/

E se non li trovate nella vostra rivista preferita, niente paura, realizzare un paio di occhiali 3D è facilissimo.
Occorrente:
-una montatura di occhiali vecchi o in alternativa una montatura ritagliata su del cartoncino rigido
-custodie di vecchi CD o in alternativa fogli lucidi per proiettori
-pennarelli indelebili
-colla
-forbici.

Per prima cosa, togliete le lenti dalla montatura che avete a disposizione, altrimenti ritagliate a vostra misura una sagoma di cartone. Di esempi in rete se ne trovano moltissimi!

Adesso realizzate le lenti con le custodie dei CD oppure con i fogli lucidi per proiettori. Ricordatevi di non farle proprio precise, ma di eccedere di qualche millimetro nel ritagliarle, così da avere un margine per fissarle alla montatura. Se non avete già a disposizione fogli colorati, prendete due pennarelli indelebili, uno rosso e uno blu e dipingete le vostre lenti. Attenzione: blu per l’occhio destro e rosso per quello sinistro 🙂                           A questo punto incollate il tutto e provate i vostri occhiali 3D!

Se il colore è poco uniforme, basta sfumarlo con le dita e se passa troppa luce, colorate entrambi i lati della lente. Ognuno ha il suo punto di vista, ma piccoli accorgimenti renderanno tutto “perfetto”.

Non vi resta che divertirvi e andare a caccia di anaglifi!

ps: vi lasciamo anche un prontuario, non si sa mai!

Fonte: http://www.electronic-satellite.com/TV/occhiali%203d.html

Eleonora Ciambellotti