Il Nonno pasticciere si sta preparando al Natale, con ricette dolcissime e giochi divertenti per allietare le vostre serate casalinghe!
Il nostro mago di bontà con una penna e un foglio di carta in mano sussurra questa frase: “Nonno comanda colore”….
Vi ricorda qualcosa? Il Nonno ha modificato il titolo di un gioco conosciuto da tutti i bambini, “strega comanda colore” detto anche “strega tocca colore”. Due le versioni principali, una adatta per gli spazi aperti, l’altra per divertirsi nelle nostre case, soprattutto ora con l’inverno alle porte.

Per giocare all’aperto non sono richiesti strumenti se non uno spazio ampio e ricco di cose o oggetti da poter indicare. Nella versione giocabile anche al chiuso servono invece un cartoncino o foglio di carta ed una penna.
Nella prima versione, quella all’aperto, si decide chi tra i bambini svolgerà il ruolo della strega (o dello stregone). Egli dovrà indicare al resto dei partecipanti un colore a sua scelta ed essi correranno alla ricerca di questo determinato colore rappresentato da qualsiasi oggetto o indumento (non valgono i propri vestiti). Ad esempio se la strega comanda il colore rosso i bambini dovranno correre ed indicare ad esempio un innaffiatoio rosso, un fiore rosso, la maglietta di un altro bambino ecc. Chi non riesce a trovare nessun oggetto del colore corrispondente viene acchiappato dalla strega che lo fa accomodare nella sua prigione. L’ultimo bambino che rimane in gara vince.

 

                                                   altosannio.it

La seconda versione è invece adatta anche a dei locali chiusi. Anche in questo caso si sceglierà una strega che dovrà comandare un colore. Dopo il comando ogni bambino, a cui precedentemente è stato consegnato un foglio di carta ed una penna, dovrà scrivere, entro un tempo stabilito, un elenco di oggetti del colore o rappresentanti il colore scelto dalla strega. Ad esempio se la strega comanda il colore blu essi potranno scrivere sul foglio cielo, mare, puffi ecc. Ogni nome esatto corrispondente al colore vale un punto. Dopo l’assegnazione dei punteggi per ogni manche ne inizia una nuova. Vince chi ha più punti. E’ previsto un punteggio corrispondente ad un punto per ogni parola corrispondente al colore scritta.

 

                                       ilmiobebe.it

Il Nonno anche questa volta si sta ingegnando, e tra i suoi viaggi nel mondo dei giochi ha “scovato” la versione natalizia: ”Babbo comanda colore”. Si può giocare in casa, basta munirsi di un albero di natale, visto il periodo non sarà difficile trovarlo!
Le regole da seguire sono molto semplici. I giocatori si dispongono all’interno della zona di gioco.
Un concorrente ha la parte di “Babbo Natale” e deve dichiarare a voce alta: “Babbo Natale comanda colore…rosso!” (e qui ci si può sbizzarrire con tutti i colori…!!!).
I compagni devono andare alla ricerca di una decorazione sull’albero di Natale del colore richiesto e toccarla prima di essere acchiappati dal Babbo Natale che li insegue!
Chi viene preso prima di avere trovato una decorazione del colore voluto, si trasforma nel “Babbo Natale” e starà a lui fare la dichiarazione al turno successivo!
Per ogni decorazione sull’Albero di Natale dovrà esserci un solo giocatore: non vale che siano in due o più sulla stessa pallina rossa. In altre parole, ognuno dei giocatori dovrà cercare una decorazioine del giusto colore, non si può toccare tutti la stessa!

 

                                                        deicarillon.it

Il Nonno desidera proprio un natale così… divertente e sereno per tutti i suoi piccoli amici e le loro famiglie.
Vi lasciamo con una canzone dei Rio, Il gruppo musicale italiano che esordì nel 2003 con il primo singolo della carriera: “Strega”, in riferimento a questo preciso gioco tradizionale.

 

 

E ricordate: “La gente non smette di giocare perché diventa vecchia; diventa vecchia perché smette di giocare.”
(Oliver Wendell Holmes Jr.)

Al prossimo fantastico viaggio nel mondo dei giochi

Fonte: filastrocche.it

                                                                                                                                      Manuela Piccioni